Domanda:
Il satellite NOAA-N Prime è davvero caduto a terra?
Undo
2013-09-05 18:45:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Recentemente, Donald.McLean ha pubblicato questa immagine in The Pod Bay, la chat room del sito:

enter image description here

È un'immagine piuttosto inquietante una volta che ci pensi per più di mezzo secondo circa. È successo davvero? Quali conseguenze avrà per la missione?

Adoro come sia casualmente la lunghezza esatta dello spazio tra il punto in cui si trovava e le panchine di fronte ad esso!
@RhysW Potrebbero esserci alcuni mobili (ora piatti) sotto di esso. O un ingegnere.
Mi chiedo quasi quanto fosse "finito".
Tre risposte:
#1
+61
Undo
2013-09-05 18:55:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, è successo davvero.

Si è svolto presso la fabbrica Lockheed Martin Space Systems a Sunnyvale, in California. Mentre il team stava trasformando il satellite in posizione orizzontale, hanno scoperto che i ventiquattro bulloni che avrebbero dovuto tenerlo in posizione erano stati rimossi da un tecnico e l'azione non è mai stata documentata.

Secondo la NASA:

La NASA Mishap Board che indaga sui danni al satellite NOAA-N-Prime ha pubblicato il suo rapporto finale.

A settembre Il 6 novembre 2003, il satellite N-Prime della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) è caduto sul pavimento della fabbrica della Lockheed Martin Space Systems Company a Sunnyvale, in California. I tecnici stavano lavorando sul veicolo spaziale, quando è avvenuto l'incidente. La navicella ha subito danni significativi.

Il consiglio, presieduto dal vice amministratore associato della NASA della direzione della missione scientifica, aveva rappresentanti dei centri di ricerca della NASA e dell'Air Force Space Command, nonché consulenti della NOAA e del Federal Aviation Administration.

Il rapporto completo è qui.

Da "Final Launch in NOAA Series" nella Aviation Week & Space Technology , 26 gennaio 09:

Dopo aver subito danni significativi quando si è ribaltato sul pavimento della fabbrica nel settembre 2003, l'appaltatore ha utilizzato le tariffe guadagnate sul veicolo spaziale NOAA che aveva precedentemente costruito per coprire il costo delle riparazioni.

Fortunatamente, poiché NOAA-N Prime era l'ultimo della serie, erano disponibili strumenti e componenti di backup, quindi l'appaltatore richiedeva "solo pochi" nuovi componenti da riempire lacune, ha detto Wayne McIntyre della NASA, responsabile del programma per il satellite ambientale in orbita polare, durante un briefing il 22 gennaio.

Il satellite è stato lanciato nel febbraio 2009.

Bella scoperta! Non sapevo del rapporto della NASA.
Che ne è stato del tecnico in questione?
@gerrit Scommetto che puoi indovinare: probabilmente è stato registrato al prossimo lancio.
Aspetta - hanno un "consiglio di contrattempo"? Sembra un po 'eccessivo.
Le schede @SantaClaus come quella sono solitamente composte da persone provenienti da diverse parti della NASA. Il loro unico scopo non è il contrattempo: P
@SantaClaus Perché non dovrebbero avere un contrattempo dopo così tanti fallimenti? E quante volte Lockheed Martin farà [qualcosa di stupido] (https://en.wikipedia.org/wiki/Mars_Climate_Orbiter)?
#2
+20
PearsonArtPhoto
2013-09-06 01:43:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La storia dietro a questo è uno dei diversi livelli di procedure, come è documentato in una recensione dei "contrattempi" della NASA. In sostanza, la storia si riduce alla seguente sequenza di eventi:

  1. Un team ha preparato il test di vibrazione, incluso l'inserimento dei bulloni.
  2. Un secondo team ha rimosso i bulloni, da utilizzare per un altro scopo. Questa rimozione non è stata documentata al momento.
  3. La prima squadra torna al satellite, non vede che i bulloni sono stati rimossi e continua con il test.

Inoltre, c'erano numerosi passaggi che non sono stati seguiti, come non avere una persona addetta alla sicurezza presente per un test potenzialmente pericoloso. In effetti, in detto rapporto hanno fornito diversi suggerimenti per chiunque si trovasse in questa situazione. Ecco i punti salienti

  • Comunica tutte le modifiche sul campo a tutti i tecnici e supervisori.
    • Funziona davvero nel tuo programma adesso?
  • Non eseguire il back stamp procedure
    • I tuoi tecnici lo stanno facendo adesso? Questo è stato un fattore in molti contrattempi!
  • Se un audit o un'indagine identifica un problema o una non conformità, risolvilo! - Questo è stato un fattore in precedenti incidenti
Avevano bisogno dei bulloni per un altro scopo? O stavano per fare un test che richiedesse la rimozione dei bulloni? O sembra strano. Il collegamento al rapporto sull'incidente è morto.
Non riesco a trovare neanche il rapporto, ma a memoria i bulloni sono stati usati per un altro scopo.
Il rapporto è qui: https://www.nasa.gov/pdf/65776main_noaa_np_mishap.pdf
@poizan42 L'ho risolto, in futuro, ti suggerisco di premere il pulsante di modifica e di proporlo tu stesso. Questo lo rende più facile e ti dà il merito della correzione :-)
#3
+16
called2voyage
2013-09-05 18:56:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo satellite, NOAA-19 o NOAA-N Prime è stato lanciato nel febbraio 2009. L'incidente nella foto è avvenuto nel 2003:

Il veicolo spaziale ha avuto una storia travagliata a Sunnyvale, in California, di Lockheed Martin ., fabbrica. Dopo aver subito danni significativi quando si è ribaltato in fabbrica nel settembre 2003, l'appaltatore ha utilizzato le tariffe guadagnate sul veicolo spaziale NOAA che aveva precedentemente costruito per coprire i costi delle riparazioni.

Fortunatamente, dal momento che NOAA-N Prime era l'ultimo della serie, c'erano strumenti e componenti di backup disponibili, quindi l'appaltatore richiedeva "solo pochi" nuovi componenti per colmare le lacune, ha detto Wayne McIntyre della NASA, program manager per il satellite ambientale in orbita polare, durante un briefing su 22 gennaio.


From "Final Launch in NOAA Series" in Aviation Week & Space Technology , 26 gennaio 09



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...