Domanda:
Non c'è sicurezza fisica nello spazio, a parte l'essere nello spazio?
Nick T
2013-10-12 02:40:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho visto Gravity l'altro giorno e sebbene visivamente ed emotivamente avvincente, e oltre alle libertà prese con le orbite, qualcos'altro mi è sembrato irrealistico, ma non sono sicuro se lo sia o non lo sia " t: l'apparente mancanza di sicurezza fisica sui veicoli spaziali. Per quanto riguarda la sua controparte, ho la vaga idea che ci sia una feroce sicurezza delle informazioni, quindi qualcuno con un trasmettitore non può deorbitare un satellite.

Anche se entrare in orbita è una specie di ostacolo, non ci sono serrature sulle porte ? Lo spazio è come il Canada?

Questa è un'ottima domanda, IMO.
Questa è un'altra grande opportunità per far emergere il fatto che attualmente abbiamo 500 kg di uranio altamente arricchito per armi in orbita attorno alla Terra. L'AIEA spende enormi risorse per cercare grammi di questa roba. http://www.space4peace.org/ianus/npsm3.htm
"Hai la chiave?" "Cosa? Pensavo avessi portato la chiave!" "Oh merda."
[Questo] (http://www.spaceref.com/news/viewnews.html?id=1195) potrebbe essere utile.
Neil deGrasse Tyson dice sempre che i rover Luna e Marte sono seduti lì senza protezione e che potresti facilmente rubarli. Cioè, se potessi arrivarci e avessi un modo per potenziarli :)
@Scott Abbiamo già quello coperto. [Posso prendere in prestito un rover lunare?] (Http://space.stackexchange.com/q/2095/415)
@MarkAdler "Pensavo di averlo lasciato sotto lo zerbino ..."
E ora anche il film * The Martian * è pertinente a questa domanda.
Tre risposte:
#1
+40
TildalWave
2013-10-12 10:15:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per prima cosa, devo menzionare che non ho ancora visto il film. Ho resistito alla tentazione dopo aver visto così tante imprecisioni tecniche menzionate su Twitter dagli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) che seguo. No, non l'astrofisico Neil DeGrasse Tyson, anche se è stato menzionato più frequentemente nei mass media per aver intrapreso una sua ricerca personale per sfatare tutte le inesattezze che erano apparentemente disseminate nel film, sulla sua fisica, dettagli tecnici, persino immagini. Intendo le persone che erano effettivamente presenti, e alla maggior parte di loro è piaciuto il film (ho letto molte delle loro recensioni del film quindi questa è la mia impressione), anche se principalmente per altri motivi oltre alla sua accuratezza.

Potrei darti specifiche tecniche dettagliate di tutti i portelli, portelli e quant'altro che ha accesso da e verso la ISS (sì, ce ne sono diversi, anche se sospetto che il film abbia cercato di presentare il portello congiunto della missione ?), Quindi penso che sia meglio lasciare che sia spiegato da coloro che erano entrambi lì e hanno visto il film. Ad esempio, Leroy Chiao ( @AstroDude su Twitter), un ex astronauta della NASA e comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ha detto nella sua recensione del film per Space.com:

... veicoli spaziali esistenti sono raffigurati con boccaporti e altri controlli che si trovano nei posti sbagliati.

e

... non c'è modo di entrare in una camera di equilibrio dall'esterno, a meno che non fosse già stato preparato per una tale voce. Il portello interno dovrebbe essere già sigillato.

Astronaut Leroy Chiao in a Russian Sokol spacesuit.

L'astronauta Leroy Chiao in una tuta spaziale russa Sokol (Fonte: Space .com).


Inoltre, sempre dalla mia esperienza su Twitter, ho visto che il processo di repressurizzazione nel film ha richiesto forse 3 secondi. Anche in questo caso è altamente impreciso e la repressurizzazione del blocco dell'equipaggio richiede circa 45 minuti, ma può essere un po 'affrettata in caso di emergenza. Sicuramente non sarebbero 3 secondi da 0 psi (0 kPa) a 14,7 psi (101 kPa), ovvero la pressione atmosferica interna della ISS al ritorno degli astronauti dalla loro EVA (attività extraveicolare).

Ad esempio , quando il casco di Luca Parmitano ha iniziato a riempirsi d'acqua dal suo PLSS (Portable Life Support Unit) ed è tornato di corsa alla camera di equilibrio, ci sono voluti molti minuti agonizzanti per repressurizzarlo, come ha scritto in uno dei suoi post sul blog. Se ci fossero voluti 3 secondi, o giù di lì, sarebbe letteralmente sembrato di essere dentro un'esplosione. Questo processo di repressurizzazione può essere in qualche modo apprezzato osservando il contrario, il processo di depressurizzazione per la camera d'equilibrio comune Quest:

La pressione normale all'interno della ISS è di 1 bar, sebbene nella camera d'equilibrio Quest questa sia 0,7 bar durante la depressurizzazione in connessione con lo spurgo dell'azoto. Quando gli astronauti sono nell'equipaggio pronti per iniziare la loro EVA, questa pressione viene prima ridotta a 0,35 bar quando viene eseguito un controllo delle perdite sulle tute. Se questo è ok, la pressione dell'equipaggio viene ridotta fino a 0,2 bar. La depressurizzazione finale al vuoto avviene attraverso lo sfiato attraverso una valvola nel portello EVA. Il portello ora può essere aperto e l'EVA può iniziare.

Il portello rimane aperto per tutta la durata dell'EVA per diversi motivi, tra cui anche per gli astronauti che possono rientrare in caso di emergenza , e anche per conservare i volumi di azoto e ossigeno nei serbatoi esterni che vengono utilizzati per lo spurgo dell'azoto, la repressurizzazione e anche per ricaricare le EMU ( Extravehicular Mobility Unit, di cui ci sono due tipi a bordo della ISS).

E no, nessuno dei portelli esterni della ISS o dei portelli di ormeggio si apre dall'esterno, quindi non ci sono chiavi. Non le porte di docking russe sul modulo di servizio Poisk, Pirs, Rassvet o Zvezda, non su Leonardo stiva di carico, Tranquility, Harmony, il Kibō della JAXA dotato di camera di equilibrio con rilascio della chiave del piccolo sistema di lancio satellitare CYCLOPS (Kinetic Launcher for Orbital Payload Systems) ma dall'interno della ISS e non sulla camera di equilibrio congiunta Quest. Gli unici portelli che hanno una porta scorrevole che si apre dall'esterno sono sui veicoli di rifornimento (ce ne sono molti, quindi ti risparmierò con l'elenco), che sono per lo più serrati in posizione con una serie di bulloni che devono essere rimossi con una chiave dinamometrica.

Comunque, non ho ancora visto il film, ma immagino che la sua sceneggiatura probabilmente non funzionerebbe, se provassero a renderlo preciso al 100%. I preparativi per EVA richiedono all'incirca un giorno con tutti i tipi di, in termini di immagini in movimento, procedure piuttosto noiose a cui non mi aspetto che qualcuno possa essere troppo interessato. Almeno non in un film d'azione. Forse in un documentario, ma anche lì probabilmente non ci vorrebbero più di 10 minuti per esaminarlo? Quindi il mio consiglio è che se hai sborsato i biglietti, allora sfruttalo al meglio e goditi il ​​viaggio. ;)


PS: Oh, e sulla sicurezza delle informazioni nello spazio che hai menzionato anche nella tua domanda, ecco un bel thread pertinente da Information Security Stack Exchange su Cosa sarebbe necessario fare per dirottare un satellite?

Risposta buona e completa. Se fossi in te, andrei comunque a guardare il film. Tutta la performance art richiede una qualche forma di sospensione dell'incredulità.
Penso che quando sei coinvolto professionalmente in qualcosa diventi più schizzinoso riguardo ai piccoli dettagli che nessun altro nota. Mi rabbrividisco quando vedo un ufficiale arruolato o junior che si rivolge casualmente a un ufficiale anziano in programmi televisivi ... quel genere di cose non accade oltre la tua prima settimana di base. Ho adorato la serie JAG ma alcuni episodi sono stati davvero difficili da guardare.
#2
+21
Organic Marble
2015-07-27 21:27:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le serrature non sono necessarie, perché è fisicamente impossibile aprire il portello dall'esterno a meno che la camera di equilibrio non sia depressurizzata .

Tutti i portelli della camera di equilibrio hanno apertura verso l'interno (l'STS Orbiter Il portello laterale non era un portello della camera di equilibrio) e la pressione dell'aria all'interno ammonta a tonnellate di forza che mantengono il portello chiuso.

Ad esempio, guarda questa immagine della camera di equilibrio della ISS USA. Quella cosa bianca sollevata è solo una copertura termica. Puoi vedere i veri cardini esterni del portello dietro Cassidy e il portello si trova dietro il suo zaino.

enter image description here

_... è fisicamente impossibile aprire il portello dall'esterno ..._ beh, un grande apriscatole come avrebbero usato nelle Balle Spaziali se ne avessero avuto bisogno avrebbe funzionato :)
#3
+9
Hobbes
2015-05-30 16:36:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono tre argomenti principali contro la sicurezza fisica sui veicoli spaziali con equipaggio:

  1. Una serratura è un punto di guasto. Date le terribili conseguenze di un astronauta bloccato dopo una passeggiata nello spazio, devi assicurarti che le persone possano entrare in caso di emergenza. Quindi l'aggiunta di un lucchetto renderebbe il design del portello molto più complicato, senza alcun valore aggiunto (vedi punto 2).
  2. Il dirottamento di un veicolo spaziale con equipaggio è davvero improbabile. Ci sono solo 3 nazioni sulla Terra in grado di lanciare una missione con equipaggio. Se uno di loro decide di dirottare la missione di un'altra nazione, avrebbe una crisi internazionale in mano, se non una guerra. Quindi il dirottatore paga un prezzo enorme, senza alcun vantaggio (vedi punto 3).
  3. Perché preoccuparsi? Le missioni con equipaggio sono missioni scientifiche in gran parte pacifiche. Se vuoi partecipare, paga qualche decina di milioni e puoi mandare un astronauta sulla ISS. Non c'è bisogno di calciare la porta. Inoltre, non ha senso dirottare una missione con equipaggio. Supponiamo che tu abbia preso il controllo di un'astronave: cosa ne farai? Non c'è alcun vantaggio nel dirottamento.

Per i satelliti senza pilota la situazione può essere più complicata, specialmente. nel caso dei satelliti militari. È probabile che questi abbiano contromisure contro la manomissione remota (hacking) a bordo.

Sicurezza fisica? Di nuovo, improbabile. Il lancio di una missione spaziale non è segreto: chiunque può seguire la tua astronave, quindi se avvii una missione per dirottare il satellite di un nemico, saprebbero che sei tu. La loro risposta sarebbe quella di bombardare il tuo sito di lancio, quindi non dovresti farlo più di una volta. Ancora una volta un costo elevato, poco vantaggio. L'unico problema che i satelliti militari devono affrontare è quello di essere fatti saltare in aria da un missile antisatellite, e da questi è difficile difendersi. Un sistema di difesa contro i missili balistici è enorme e costoso, aggiungere che a un satellite aggiungerebbe parecchie tonnellate di peso e costerebbe una fortuna.

4 nazioni possono inviare uomini nello spazio? Conto solo 3: Stati Uniti, Russia, Cina (con attrezzi russi)
hai ragione, ovviamente.
Per il momento più come 2: Russia e Cina (immagino che il comunismo abbia perso lo sprint spaziale ma ha vinto la maratona: P).


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...